Follow by Email

mercoledì 22 agosto 2012

L'OMBRA E LA LUCE

Miei cari,
vorrei condividere con voi un altro brano tratto dal mio libro che verrà pubblicato a breve. Spero sia utile per riflettere sulle verità che ci sfuggono.

" L'ombra e la luce si inseguono, quasi incessantemente, ma benché la luce pratichi ahimsa, ovvero il sentiero della non violenza, l'ombra si ribella quando la luce vuole illuminarla. Nella sua ribellione crea quello che possiamo definire il malessere e cerca tutti i sotterfugi per rimanere presente, perché sa che se la luce illumina, tu puoi vedere tutto ciò che c'è ed iniziare il tuo lavoro di rinascita.  Il tempo era passato, continuavo a fare un'analisi profonda degli elementi che  prima non avevo potuto osservare, perché erano riposti da chissà quanto tempo e quante vite negli angoli bui del mio essere. Ora molte cose erano venute a galla e riuscivo a comprendere meglio quanto fosse importante non cercare di buttarsi tutto alle spalle, ma di capire e conoscere, perché solo la vera conoscenza poteva definitivamente trasformare certe emozioni, certi vissuti. Mi recai dal Maestro e ricevetti un altro bellissimo insegnamento sull'ego......".

Tutto quello che ci succede ha sempre un significato recondito. Se vediamo solo la superficie allora proveremo sentimenti di rabbia e scontento, creati dal nostro ego. Se andiamo in profondità scopriremo  cose che la nostra mente di superficie non avrebbe mai immaginato. La vita è preziosa, o meglio il tempo che abbiamo a disposizione è prezioso e se rispettiamo le leggi dell'Universo, allora l'Universo stesso interverrà per proteggerci, anche quando ci sembra che non sia così.

Buona giornata

Adriana Crisci

giovedì 9 agosto 2012

LA PASSIONE

Cosa è l'amore? E' passione? Dipende a quale amore ci riferiamo. Certamente l'amore accetta tutto e fa tutto per passione. Dipende da quale significato diamo alla passione. Se ci riferiamo alla passione che accende i sensi, il nome stesso lo dice, tutto quello che è momentaneamente percepito attraverso i sensi passa. Per questo si chiama passione! Questo perché i sensi non hanno un interesse duraturo, oggi si accendono per un qualcosa o un qualcuno che vedono, sentono, toccano e gustano e domani il loro interesse per quello di prima è passato e si accendono per altro. L'amore vero non è quello passionale, perché quello porta alla distruzione di se stessi, è quello che si accende di una passione che non passa, anzi diventa fedele ai propri ideali e all'oggetto dell'innammoramento. Se vedi una persona che si accende come un fiammifero e anela solo a soddisfare i propri desideri, stimolata dal suo ego, allora stai vedendo un mendicante, un essere che ritroverai in un altro momento distrutto dalle sue passioni, un futuro sofferente. Ma allora tu ci parli di un amore senza passione? No io vi parlo di un amore impregnato di vera passione, di una passione che è un obbiettivo alto, perché se persegui uno scopo nobile nella tua vita, non puoi portarlo avanti se non hai la passione dei sensi che sono divenuti servitori di essa, tuoi servitori. Al contrario le altre passioni fanno si che si diventi schiavi dei sensi, loro prigionieri. La passione è solo distruttiva? No può essere anche costruttiva. Prendiamo tutti i grandi geni che hanno inventato o scoperto qualcosa e lo hanno fatto grazie ad una sana passione, la quale è stata il propulsore di un profondo amore per la ricerca di una verità che servisse a migliorare la qualità della vita dell'umanità.
Di quali passioni vivi? Quali passioni hai? Ogni tanto interrogati su questo, credimi, porta a risultati stupefacenti. Le tue passioni sono finalizzare a un qualcosa che si consuma  e passa oppure a un qualcosa che cresce e contribuisce, anche nel piccolo, a migliorare il mondo?
Buona riflessione!
Adriana Crisci