Follow by Email

sabato 2 giugno 2012

IL PERDONO

Oggi voglio condividere con voi il percorso di crescita sul perdono. Perdonare non è facile, anzi richiede un grande lavoro dentro se stessi, nel portare in equilibrio le proprie emozioni ferite, tuttavia quando ci riusciamo ci innalziamo a vette più elevate. Ritengo che non si possa parlare di qualcosa della quale non si è fatta esperienza e personalmente ho dovuto perdonare varie volte. Una volta una persona mi chiese come avevo potuto perdonare l'assassino di mio padre, ero abbastanza giovane allora, ma avevo già compreso che siamo qui per cercare di salire verso livelli di coscienza più elevati. Quando vivi alcune esperienze che lasciano un segno profondo nella tua vita, la vita stessa cambia improvvisamente e così ti avvicini alla sofferenza degli altri, la comprendi meglio, perché sai cosa significa soffrire. Con il tempo le ferite si rimarginano, diventano cicatrici, non procurano più lo stesso dolore, ma ogni volta che le vedi ti ricordi di quello che hai vissuto e proprio per questo ti immedesimi ancora di più nei panni degli altri sofferenti. Nonostante il mio vissuto ho sempre continuato a dare fiducia agli altri, ho cercato sempre di vedereil lato di luce negli altri, la loro parte animica e divina, anche se questo ha permesso ancora che fossi ferita. Tuttavia non smetterò di essere al servizio di altri esseri umani, non perché io sia migliore o gli altri peggiori, no, perché quello che faccio agli altri lo sto facendo a me. E' un'illusione egoica pensare che l'altro abbia bisogno del tuo aiuto e che tu lo stai aiutando, l'altro ti sta offrendo la possibilità di servirlo e servendo lei o lui stai servendo Dio.  I corpi cambiano, le menti anche, ma l'essenza contenuta in ogni essere umano è la stessa: puro amore divino. Se mi sento ferita da qualcuno, non cerco di vedere solo il suo errore, vedo quali possono essere stati i miei atteggiamenti che hanno lo indotto a ferirmi. Non è importante quello che è successo, ma le emozioni che posso aver vissuto. Il perdono mi ha portato, proprio recentemente, ad essere più libera, perché perdonando l'altro sto perdonando anche me stessa, magari di altre situazioni. Ogni persona è un nostro riflesso che ci mostra i lati belli e quelli brutti di noi. La forza non consiste nel fuggire da quelli brutti, ma nel ringraziare, come se fossero dei maestri inconsapevoli, coloro che sono venuti a portarci le lezioni più dure e sviluppare, contemporaneamente, la compassione. La rabbia ti fa commettere delle azioni e dire delle parole che sfuggono dal tuo controllo e poi non hai il coraggio di riparare a quanto hai fatto, anzi forse ritieni di essere solo tu nel giusto. Personalmente ritengo che bisogna superare la rabbia, perché all'inizio essa ti da forza, ma poi ti fa rimanere senza energie. Se sei una persona che prova rabbia nei confronti della vita, allora proverai rabbia verso quelli che ti mostreranno i tuoi lati peggiori. Potrai pensare che l'altro non ti comprenda o non ti sostenga e che invada la tua sfera privata. Penso che dobbiamo cercare sempre, quanto più è possibile di essere coerenti con la verità, perché i sotterfugi, a lungo andare creano l'infelicità e rompono i rapporti più importanti. Magari ti convinci anche che le ragioni sono solo le tue!L'uomo comune vive nell'illusione che tutto si costruisce e tutto si può rompere, in realtà niente si incontra e nulla si separa, perché qualsiasi rapporto lascia dentro di noi e anche negli altri delle tracce della nostra essenza e della loro essenza. Potrebbe sembrare un discorso difficile, ma non lo è. La vita può sembrare senza vie di fuga, perché fuggire e non affrontare le situazioni? Perché costruire muri e cercare di buttarsi tutto alle spalle? Se non avremo chiarezza dentro noi stessi e con gli altri, quello che stiamo cercando di buttarci dietro alle spalle, diverrà un peso da portare sulle spalle della nostra coscienza. Quello che vorrei condividere con voi è questo senso del perdono. Perdonare vi vincola di meno all'altro e fa si che si sciolgano dei nodi. Questa è la vera forza. Nel prossimo post vi farò degli esempi pratici su come attuare l'arte del perdono.
Buona vita a tutti
Adriana Crisci

Nessun commento:

Posta un commento