Follow by Email

sabato 19 maggio 2012

LA PRIMA FOLLOWER

Benvenuta Silvie,
sei la  prima che ha deciso di seguirmi e navigare con me per cercare di capire cose succede nelle acque a volte calme e a volte tempestose dell'oceano della vita. Il problema non sono le acque, mie cari lettori, ma l'addestrarsi a passare nelle tempeste per arrivare al sereno. Quando passiamo attraverso le tempeste e poi raggiungiamo la tanto desiderata riva ci scopriamo essere più forti. Quella è la forza che  abbiamo tirato da dentro e che giaceva  assopita. Abbiamo imparato ad utilizzare un altro nostro strumento e siamo più maturi. Questo non significa che l'indole cambia, semplicemente che abbiamo salito un gradino in più nella nostra evoluzione. Per questo non amo fuggire dalle situazioni della vita, ma cerco di affrontarle fino in fondo, lì dove è possibile farlo. La fuga non agevolerebbe certo la mia crescita.! Ci sono persone che trascorrono la loro vita a fuggire da una situazione per buttrasi in un'altra, alla fine sono come quei viandanti che non hanno una meta ed accumulano casini su casini, donando agli altri sofferenza, inconsapevoli che prima o poi la vita stessa presenterà loro il conto e li inviterà a sistemare tutto. Che fatica più grande ci sarà da fare dopo! Forse la mia idea sarà sbagliata ma cercare di buttarsi il passato alle spalle senza la voglia di elabolarlo sarà un altro peso che si porterà sulle spalle. In passato pensavo che alcune persone si comportassero in un certo modo a causa dei loro vissuti. Poi ho capito che quando c'è l'orgoglio e predomina l'ego negativo, allora c'è un bel lavoro da fare per divenire umili. Si, miei cari, l'umiltà è la nostra vera forza e quella che ci fa perdonare e ci fa chiedere perdono perchè non possiamo sempre addebitare la nostra infelicità agli altri...troppo facile!!!

Nessun commento:

Posta un commento